Digital Aging: La Pelle Invecchia Al Passo Con I Tempi!

Digital aging: la pelle invecchia al passo con i tempi!

Schiavi. Schiavi liberi. Sì oggi siamo tutti liberi ma schiavi. Potremmo avere più tempo da dedicare alle nostre passioni, alla nostra persona, ai nostri cari ma non è così. Schiavi delle notifiche che ci giungono dai social siamo continuamente incollati allo schermo del pc, del tablet o dello smartphone. E la pelle ne risente: si verifica il fenomeno del digital aging.

“Pochi sono schiavi per necessità; i più lo sono volontariamente.” (Lucio Anneo Seneca)

Digital aging: di che cosa si tratta?

Per digital aging, ossia invecchiamento digitale, si intende uno dei fattori di invecchiamento precoce della pelle. Non fa distinzioni di sesso, colpisce donne e uomini a tutte le età. É caratterizzato dalla comparsa di rughe su viso e collo.

Digital aging: quali sono le cause?

Come è facile immaginare ciò che causa questo fenomeno sono le onde elettromagnetiche emesse dagli schermi di computer, smartphone e tablet.

Questo in quanto le radiazioni emesse dagli schermi aumentano la temperatura dei tessuti biologici surriscaldandoli. A questo punto le fibre di collagene che costituiscono la pelle si deteriorano e fanno la loro comparsa rughe e doppio mento.

Digital aging: un moderno fattore di invecchiamento.

Se fino ad oggi i fattori di rischio per l’insorgenza di solchi e solchetti sulla pelle erano l’età, l’esposizione al sole e ad altri agenti esterni, i radicali liberi, gli stili di vita scorretti, l’inquinamento e gli squilibri ormonali, ora se ne aggiunge uno più moderno: il digital aging.

Un fattore di invecchiamento inevitabile ai nostri tempi vista la crescente necessità di essere a contatto con apparecchi digitali per più ore al giorno, vuoi per lavoro, vuoi per svago.

Digital aging: come prevenirlo.

Alcuni semplici suggerimenti possono venirci in aiuto per contrastare l’invecchiamento della nostra pelle:

  • staccare spesso gli occhi dai dispositivi ed effettuare una pausa ogni 20 minuti
  • illuminare correttamente gli ambienti in cui si lavora
  • mantenere una postura corretta davanti al pc (per evitare la formazione del doppio mento)
  • utilizzare sgabelli ergonomici o una piccola pedana sotto i piedi per favorire la circolazione linfatica
  • evitare la luce riflessa sullo schermo per non strizzare le palpebre favorendo così la comparsa delle rughe perioculari
  • mantenere la pelle idratata assumendo molti liquidi
  • utilizzare creme da giorno e da notte che favoriscono la produzione di collagene ed idratano la pelle
  • alimentarsi con cibi ricchi di anti-ossidanti
  • aumentare il consumo di frutta e verdura
  • consumare in abbondanza alimenti ricchi di omega-3 (pesce azzurro, noci e olio di noci, semi di lino e semi di chia)

Digital aging: come ricorrere ai ripari.

Una volta comparse le prime rughe è necessario correre ai ripari. Se non si vuole ricorrere alle iniiezioni di botulino sarà necessario utilizzare sistematicamente cosmetici dall’effetto riempitivo o tensore: la natura ci viene incontro con i rimedi al veleno di ape e di vipera.

Digital aging: la soluzione di Creme di Venere!

… Se non siete ancora incatenati alla scrivania (e siete a tutti gli effetti degli schiavi mobile), se la vostra professione vi permette di muovervi liberamente e di lavorare nel posto a voi più consono la soluzione c’è: munirsi di notebook/tablet/smartphone, recarsi al parco/mare/collina  (insomma all’aria aperta) e lavorare in mezzo alla natura staccando di tanto in tanto lo sguardo dallo schermo per rivolgerlo alle bellezze che quest’ultima ci offre! 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *