I Glicosaminoglicani E La Lunga Notte Del Ginocchio Dolente…

I Glicosaminoglicani e la lunga notte del ginocchio dolente…

Arrivate le belle giornate? Tutti usciti a passeggiare o sbaglio? Camminato tanto, visitato parchi e città d’arte il 25 aprile? E le vostre articolazioni come stanno? Le mie (che oramai non sono più una bambina) non troppo bene, perchè da pigra ed incostante quale sono ho avuto la splendida idea di passare dal dolce far niente invernale al voler fare tutto non fermandomi mai con l’arrivo della bella stagione. Ed il mio ginocchio naturalmente sottoposto ad un improvviso ed insolito stress questa notte ha ringraziato 😒.

“Se gioventù sapesse, se vecchiaia potesse.” (Henri Estienne)

Ma meno male che ci sono i Glicosaminoglicani (GAGs per gli amici) !

Glicosaminoglicani: che cosa sono?

I Glicosaminoglicani (GAGs in breve),  sono lunghe catene non ramificate formate da unità disaccaridiche (composti organici della famiglia degli zuccheri) di natura idrofila, ossia si legano facilmente alle molecole dell’acqua assorbendola e rigonfiandosi.

Glicosaminoglicani: a cosa servono?

I Glicosaminoglicani, come detto sopra, assorbono facilmente acqua. In questo processo pertanto aumentano di volume. All’interno di un organismo svolgono funzioni di sostegno e protezione dei tessuti nel seguente modo:

  • costituiscono innanzitutto una riserva d’acqua per l’organismo
  • svolgono funzioni lubrificanti all’interno della membrana sinoviale
  • realizzano la pressione di turgore extracellulare
  • fungono da ammortizzatori per le cartilagini.

Glicosaminoglicani & Co.

I GAGs principali potrebbero essere così classificati:

Nome Caratteristiche
Condroitin solfato È il GAG più abbondante e si trova prevalentemente nelle cartilagini a cui conferisce le particolari caratteristiche di ammortizzazione.
Dermatan solfato Conferisce elasticità e resistenza alla pelle e alle valvole cardiache.
Cheratan solfato cheratan solfato di tipo I è presente nella cornea mentre il tipo II è presente nel connettivo lasso.
Eparina Contiene una piccola componente peptidica di 2 amminoacidi (glicina e serina) e svolge la funzione di anticoagulante.
Eparan solfato Ha una struttura molto simile a quella dell’eparina da cui si distingue per il grado inferiore di solfatazione e partecipa al riconoscimento cellulare.
Acido ialuronico È l’unico GAG non solfato. Si trova libero all’interno delle membrane sinoviali in cui funziona come lubrificante e costituisce l’asse centrale degli aggrecani.

Glicosaminoglicani: conseguenze di una loro riduzione.

In sostanza quindi potremmo dire che le articolazioni nel momento in cui è sottoposta ad uno sforzo fisico eccessivo perde liquidi, si ha una riduzione del volume dei GAGs e le parti in movimento a contatto tra di loro e subendo un attrito si infiammano (risultando poi dolenti).  Il rimedio? Reintegrare l’apporto di Glicosaminoglicani.

Glicosaminoglicani: cause della loro perdita.

Vi possono essere cause più o meno importanti della perdita dei GAGs per quel che riguarda le articolazioni:

  • sforzi eccessivi
  • ossidazione dei tessuti
  • osteoporosi
  • danni alle articolazioni
  • età
  • artriti
  • artrosi
  • osteoartriti
  • reumatismi.

Glicosaminoglicani ed alimentazione: come prevenirne la perdita?

La Glucosamina è presente nel guscio dei crostacei e frutti di mare. Tuttavia, non è possibile sintetizzarla con la sola masticazione del guscio. Si deve ricorrere ai supplementi e / o integratori. La Glucosamina in commercio è per lo più un derivato di crostacei. Pertanto chi soffre di allergie e/o intolleranze ai crostacei è bene non faccia uso di questo integratore. Ne esistono delle alternative vegetali ma deve essere specificatamente indicato in etichetta che il prodotto è per i vegani.

Glicosaminoglicani e cosmesi: come agire dall’esterno.

Se lo stato infiammatorio non è importante e non è dovuto a patologie più o meno gravi (diversamente è sempre opportuno rivolgersi al medico), è possibile porre rimedio al dolore agendo esternamente. Un utile rimedio può essere il ricorso a creme o gel che rigenerano il tessuto, stimolano l’organismo, migliorano l’elasticità del tessuto e riattivano il microcircolo e l’irrorazione sanguigna.

L’applicazione ed il massaggio con questi prodotti più volte al giorno più volte al giorno  nei punti dolenti come collo, spalle, schiena, gomiti, braccia, ginocchia, gambe o piedi ci salverà da un’altra lunga notte insonne…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *