Rosmarino: Un Profumo, Mille Proprietà!

Rosmarino: un profumo, mille proprietà!

No, non sto preparando l’arrosto! Ho deciso di parlarvi oggi delle proprietà del rosmarino, una pianta troppo spesso sottovalutata e presa in considerazione solo dal punto di vista culinario.

“Avete presente quante vite può avere un arrosto? Basta un profumo a cambiarne la sorte.” (Gualtiero Marchesi)

Rosmarino: caratteristiche.

Il nome scientifico di questa pianta è Rosmarinus officinalis. Derivato forse dal latino ros «rugiada» e maris «mare» (rugiada del mare),  per altri da rosa «rosa» e maris «mare» (rosa del mare) o  in ultimo da  rhus «arbusto» e maris «mare» (arbusto di mare). Il richiamo al mare è dato dal colore delicato dei suoi piccoli fiori.

E’ un arbusto perenne, cespuglioso in grado di raggiungere un’altezza di tre metri.

Presenta radici molto profonde e ben radicate, foglie piccole, prive di picciolo, verde scuro sulla pagina superiore e verde-argentate-bianche in quella inferiore, strette, lineari e molto fitte sui rami.

I fiori di colore azzurro-violetti sono riuniti in grappoli. Il rosmarino presenta queste piccole infiorescenze quasi tutto l’anno.

Pianta mediterranea, cresce spontanea lungo la fascia costiera e fino a 1500 metri.

Predilige il sole, il caldo, l’aria per questo è facile trovarla sui litorali marittimi.

Rosmarino: un pò di storia.

Numerose sono le leggende che ruotano attorno ad alcune famose preparazioni contenenti questa splendida pianta, nei secoli utilizzata soprattutto per le proprietà antisettiche.

Tramandata e famosa nel tempo, potremmo aver sentito parlare dell’Acqua della Regina d’Ungheria, un’acqua distillata in grado di rinnovare le forze, sollevare lo spirito, restituire la vista.

Anche il francese Aceto dei quattro ladroni  è rinomato per portentose proprietà.  Antisettico ed antibatterico, è stato utilizzato nei tempi che furono come antibiotico naturale in caso di infezioni ed epidemie. Se pensiamo che questo è un aceto addizionato con oli essenziali di salvia, rosmarino, timo, menta, ginepro, cannella e lavanda, è facile per chi conosce le proprietà di queste piante capirne il motivo.

A chi soffre di reumatismi invece la storia ha voluto lasciare la ricetta del Balsamo Tranquillo, un’emulsione il cui principio attivo principale è appunto il rosmarino, realizzata dall’omonimo frate capuccino.

Molto nota è anche l’acqua di San Giovanni, realizzata raccogliendo una serie di erbe (ginestra, iperico, artemisia, verbena, timo, rosmarino, salvia, basilico, maggiorana, lavanda, rosa) in concomitanza della festa dell’omonimo santo, il 24 giugno (solstizio d’estate). Lasciate macerare in acqua durante la notte, viene utilizzato il tutto la mattina seguente per lavarsi e proteggersi così dalle malattie.

Esistono tantissime altre tradizioni e superstizioni legate a questa pianta, ma vediamo invece scientificamente parlando quali siano le vere proprietà del rosmarino.

Rosmarino: proprietà.

Oltre ad essere un potente antibatterico, il suo utilizzo risulta utile su tantissimi fronti:

  • migliora la circolazione sanguigna, grazie all’alto contenuto di ferro;
  • ha potere antiossidante ed è in grado di rinforzare le cellule epatiche;
  • ha proprietà coleretiche e colagoghe (stimola il flusso di bile e la sua produzione);
  • previene l’invecchiamento cerebrale;
  • contrasta il rilascio di radicali liberi;
  • è rimedio per i dolori muscolari;
  • è in grado di alleviare i dolori reumatici;
  • utile in caso di ipotensione;
  • allevia il senso di vertigine;
  • regola il colesterolo;
  • decongestiona le vie respiratore e nasali;
  • migliora la memoria e la concentrazione, stimola le funzioni cognitive;
  • aumenta l’attività delle onde cerebrali;
  • previene secondo alcuni studi la demenza senile e il disturbo di Alzheimer;
  • per l’alta concentrazione di vitamina A è utile per prevenire la perdita della vista e contrastare la degenerazione maculare;
  • l’aroma di questa pianta attenua gli stati di stress con conseguente beneficio sugli stati umorali;
  • stimola il sistema immunitario grazie all’acido rosmarinico, l’acido betulinico e l’acido caffeico;
  • contrasta le infezioni batteriche;
  • amico dello stomaco in quanto impedisce la proliferazione dell’Helicobacter Pylori;
  • utile in caso di diarrea, flatulenza e gonfiore addominale;
  • previene le infezioni da Stafilococco;
  • previene le infezioni urinarie;
  • rinfresca l’alito;
  • ottimo analgesico, utile per alleviare il mal di testa;
  • il suo olio essenziale è in grado di attenuare le macchie della pelle;
  • contrasta la caduta dei capelli e ne stimola la ricrescita;
  • l’estratto di rosmarino blocca, secondo alcuni studi, la propagazione delle cellule tumorali sulla pelle;
  • ha proprietà leggermente diuretiche;
  • ottimo tonificante;
  • ha proprietà astringenti;
  • facilita la digestione.

Rosmarino: controindicazioni.

Essendo una pianta dalle spiccate proprietà stimolanti è necessario utilizzarla con moderazione. Sconsigliata a chi soffre di di pressione alta ed insonnia. Mai utilizzare il rosmarino in gravidanza ed in soggetti affetti da epilessia. A dosaggi molto alti può generare disturbi gastrici.

Rosmarino: uso interno.

Può essere utilizzato sotto forma di decotto utilizzando qualche rametto di rosmarino oppure si possono assumere 1-2 gocce di olio essenziale ad uso alimentare insieme a un cucchiaino di miele per attenuarne il sapore.

Rosmarino: uso esterno.

Oltre ad utilizzare l’olio essenziale inserendolo nella vasca da bagno per alleviare tensioni e stress o contrastare la cellulite, possiamo utilizzare cosmetici che ne contengono il principio attivo. Potremo quindi trovare shampoo (per prevenire forfora/alopecia/caduta dei capelli),  creme per il viso (per le proprietà astringenti e dermopurificanti) e per il corpo (per contrastare dolori muscolari o reumatici).

 

E allora… la prossima volta raccogliete in giardino un rametto di rosmarino in più e non limitatevi ad utilizzarlo solo per il pollo con le patate! 😜

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *